lunedì 31 agosto 2015

Vacanze!!!!

Ebbene si, è arrivato anche per me, e per il blog, il momento di andare in vacanza.

Il blog chiude dal 1 al 15 Settembre ma non preoccupatevi: userò il tempo libero per leggere, leggere e... leggere!!!

Ci vediamo il 15 Settembre con nuove recensioni!!!

Credimi di L.A. Witt


Titolo: Credimi
Titolo Originale: Trust Me (2011)
Autore: L.A. Witt
Traduttore: Viola Lodato
Editore: Triskell Edizioni
Anno: 2015
Pagine: 310
Genere: Contemporaneo, M/M, Romantic Suspense
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il secondo libro della serie "Cover Me", attualmente così composta
  1. Coprimi - Cover Me: protagonisti Andrew e Nick (Potete trovare QUI la mia recensione)
  2. Credimi - Trust Me: Brian e James
  3. Search Me: Andrew e Nick
Livello di sensualità: hot

Trama: Sulla scena di un multiplo omicidio, che è orribile anche per un investigatore navigato, Brian Clifton rimane sbalordito nel vedere che una delle vittime somiglia in modo inquietante a James, il suo ragazzo. Mentre le similitudini continuano ad aumentare, i cadaveri fanno altrettanto... e le prove indicano che il killer è proprio James. James non è stato onesto con Brian da molto prima della sparatoria. È stato evasivo. Oh, e c’è quel piccolo dettaglio: ha omesso di dire al compagno di essere uno spacciatore con il vizio del gioco d’azzardo. Forse James non è il fidanzato migliore del mondo, ma scongiura Brian di credere alla sua innocenza. In effetti, chiunque abbia premuto il grilletto vuole senza dubbio finire ciò che ha iniziato, e Brian è l’unico di cui James si fida per essere protetto. Ma quanto è disposto a rischiare Brian per proteggere un uomo che forse neanche conosce?

On the scene of a multiple murder that’s grisly even for a veteran homicide detective, Brian Clifton is stunned when one of the victims bears an uncanny resemblance to his boyfriend, James Merrill. As the similarities keep piling up, so do the bodies...and the evidence pointing to James as the killer. Since long before the shooting, James has been dishonest. He’s been evasive. Oh, and there’s that minor little detail he withheld from Brian about being a gambling-addicted drug dealer. He may not be the best boyfriend in the world, but he begs Brian to believe he’s no murderer. In fact, whoever did pull the trigger undoubtedly wants to finish what they started, and Brian is the only one James trusts to keep him safe. But how much is Brian willing to risk to protect a man he may not even know?

Recensione di Anita:

Avevo amato moltissimo il primo romanzo della serie, "Coprimi", ma devo ammettere che questo secondo volume mi ha preso ancora di più! Seppur avevo intuito precocemente durante la lettura chi fosse il colpevole, ho apprezzato moltissimo le scelte dell'autrice per spiegare al lettore la vicenda e il coinvolgimento dei vari attori.
Brian e James stanno avendo dei seri problemi di coppia: James è scostante e sfuggente e Brian teme che lo stia tradendo. Ma quando i due sembrano arrivati al capolinea come coppia, la situazione diventa drammatica e verranno finalmente a galla i veri sentimenti e la verità, molto più complessa e ingarbugliata di quanto si potrebbe immaginare. 
Come mi aspettavo da un romanzo di questa bravissima autrice i nostri due protagonisti dovranno attraversare momenti dolorosi ed ostacoli terribili, sudandosi e guadagnandosi il meritato lieto fine!
Voto: 8,5

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo? 

domenica 30 agosto 2015

Pizzo e Seta di Posy Roberts


Titolo: Pizzo e Seta
Titolo Originale: Cheeky Hipsters & Jocks (2015)
Autore: Posy Roberts
Traduttore: Francesca Giraudo
Editore: Blanket Fort Press
Anno: 2015
Pagine: 51
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Collegamenti con altri romanzi: si, fa parte della raccolta "Segreti d'Estate", scritta da autori diversi.
Livello di sensualità: hot

Trama:  Sotto ai pantaloni, Jack nasconde un segreto ed Eli pensa di sapere quale sia. Jack Cox tiene nascosta una parte di sé da molti anni, finché un suo compagno di hockey non scopre un pezzo di seta e pizzo, nascosto nella sua tasca. Elijah Mitten nota quanto Jack diventi ansioso quando il piccolo pezzo di stoffa inizia a girare nello spogliatoio e quando Jack lo butta nella spazzatura, come se non fosse nulla di importante, Elijah capisce cosa si nasconde dietro la facciata e magari anche sotto ai pantaloni. Quando Elijah si presenta a casa di Jack in ricerca di risposte, quest’ultimo non vuole ammettere nulla ma quando il suo compagno di hockey prende in mano la situazione, Jack deve decidersi: condividere il suo segreto, rischiando di venire allontanato dallo sport che ama, o rinnegare se stesso per sempre?

Jack has a secret hidden in his pants, and Eli thinks he knows what it is. 
Jack Cox has a secret he’s kept hidden for years until a fellow hockey player discovers a scrap of silk and lace hiding in his pocket. Elijah Mitten notices how anxious Jack is as the hot-pink fabric makes its way around the locker room, and when Jack throws it in the trash like it means nothing, Elijah guesses what’s beneath his stoic façade and possibly his pants. When Elijah shows up on Jack’s doorstep looking for answers, Jack won’t admit anything. But when Elijah takes matters into his own hands, Jack has to make a decision: share his secret and risk losing hockey or keep it hidden forever.

Recensione di Anita:

Lo ammetto: non credevo che uomini con la lingerie da donna in pizzo potessero essere sexy... ma ovviamente mi sbagliavo! 
Nella storia tra Eli e Jack galeotta fu la mutanda: se non fosse stato per una svista di Jack davanti alla sua squadra di hockey, causa per lui di profondo imbarazzo, Eli non avrebbe mai capito di avere in comune con Jack più di quanto pensasse e non sarebbe mai passato all'azione!
Data la brevità del romanzo il tutto è ovviamente un pò affrettato ma ho trovato assolutamente adorabili questi due uomini e la storia che nasce tra di loro!
Voto: 7


Avete letto questo racconto? E i precedenti? Cosa ne pensate?

Anteprima: D'Amore e D'Accordo di Abigail Roux


Titolo: D'Amore e D'Accordo
Titolo Originale: Armed & Dangerous (2012)
Autore: Abigail Roux
Traduttore: Martina Nealli
Editore: Dreamspinner Press
Data di Pubblicazione Prevista: 1 settembre 2015
Pagine: 380
Genere: Contemporaneo, M/M, Romantic Suspense
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il quinto romanzo della serie "Cut & Run", così composta
  1. Armi e Bagagli - Cut & Run (potete trovare QUI la mia recensione) con Madeleine Urban
  2. Forza e Coraggio - Sticks & Stones (potete trovare QUI la mia recensione) Con Madeleine Urban
  3. Bulli e Pupe - Fish & Chips (potete tovare QUI la mia recensione) con Madeleine Urban
  4. Luci e Ombre - Divide & Conqueror (potete trovare QUI la mia recensione) con Madeleine Urban
  5. D'Amore e D'Accordo - Armed & Dangerous (potete trovare QUI la mia recensione)
  6. Dine & Dash (racconto)
  7. Stars & Stripes (potete trovare QUI la mia recensione)
  8. Touch & Geaux (potete trovare QUI la mia recensione)
  9. Ball & Chain (potete trovare QUI la mia recensione)
  10. Crash & Burn(potete trovare QUI la mia recensione)
Livello di sensualità: Hot

Trama: Abbandonato a Baltimora dal suo imprevedibile partner, l’agente speciale Zane Garrett non trova di meglio che sfogare la rabbia su qualunque cosa incontri sul proprio cammino – finché non gli viene ordinato di recarsi a Chicago per assistere un collega durante un’operazione sotto copertura. L’ultima cosa che si aspetta è di trovarvi proprio il partner fuggitivo, l’agente speciale Ty Grady. La missione per cui sono stati inviati, ossia recuperare un informatore ed ex-agente della CIA di nome Julian Cross, si prospetta improvvisamente più difficile. Ex-marine e uomo chiave del Bureau, Ty ha un debole per i tiri mancini – tratto su cui Zane può ampiamente testimoniare. Reduce da un passato tormentato, Zane viveva solo per il lavoro, ma finalmente sta iniziando a comprendere che i lutti di un tempo non devono necessariamente gettare ombra sul futuro. I due uomini sono compagni di squadra, amici, amanti, nonché la scelta perfetta per quel genere di lavoretti insoliti. Ora, con al seguito Cross e quell’ingenuo del suo ragazzo, Cameron Jacobs, dovranno affrontare gli ostacoli di un viaggio attraverso il paese – incluse imbarazzanti perquisizioni aeroportuali, tempeste di neve, prigionieri assai poco collaborativi, squadroni di killer della CIA, carenza estrema di sonno e caffeina… e loro stessi. Ty e Zane sono determinati a scortare Cross fino a Washington, ma cominciano a dubitare di poterne uscire vivi.

Left alone in Baltimore after his unpredictable lover bails, Special Agent Zane Garrett takes his frustration out on everything in his path until he is ordered to Chicago to back up an undercover operative. When he gets there, though, he finds himself face to face with his wayward partner, Special Agent Ty Grady. They have to deal with the uncertainty lingering between them while they work to retrieve their intended mark, a retired hit man and CIA wet-works operative named Julian Cross. Ty, once a Marine and now an FBI hotshot, has a penchant for being unpredictable, a trait Zane can vouch for. Zane is a man who once lived for his job but has come to realize his heartbreaking past doesn't have to overshadow his future. They're partners, friends, lovers, and the go-to team for unusual cases. With Cross and his innocuous boyfriend, Cameron Jacobs, in tow, Ty and Zane must navigate the obstacles of a cross-country trek, including TSA pat-downs, blizzards, their uncooperative prisoners, CIA kill teams, a desperate lack of sleep and caffeine, and each other. Ty and Zane are determined to get Julian Cross to DC in one piece, but it's starting to look like it might be the last thing they do.

Recensione di Anita:

Adoro Ty e Zane... non potevo farmi scappare l'occasione di rileggere il loro quinto romanzo in italiano!
Questo è il primo libro della serie scritto interamente dalla Roux, dopo che la Urban si è ritirata: devo ammettere che la prima volta che l'ho letto avevo qualche timore che ciò comportasse un cambiamento nei personaggi, ed invece è assolutamente perfetto!
Finalmente i  miei due agenti FBI preferiti hanno ammesso i loro sentimenti e li vivono pienamente, riconoscendo i momenti di tenerezza e passione per ciò che sono veramente: amore. I due sono le solite calamite per ogni tipo di guaio si aggiri nelle vicinanze e questa volta Ty troverà pane per i suoi denti: devono scortare Julian Cross (e il suo adorabile fidanzato Cameron!) fino a Washington... ne vedremo delle belle, ma conosceremo anche qualche segreto in più sul passato di Ty e avremo qualche spiraglio su cosa attenderci in futuro.
Ciò che adoro principalmente di questa serie è il perfetto mix di sentimenti, azione, dramma e umorismo uniti ad una scrittura scorrevole e accattivante... sono sicuramente di parte ma non mi stancherò mai di consigliarvi di leggere  questa saga!!!!
Voto: 9

Avete letto la serie "Armi e Bagagli"? Cosa ne pensate?

venerdì 28 agosto 2015

Uscite Interessanti: Pizzo e Seta di Posy Roberts


TITOLO: Pizzo e Seta
TITOLO ORIGINALE: Cheeky Hipsters & Jocks
AUTORE: Posy Roberts
TRADUTTRICE: Francesca Giraudo
EDITORE: Blanket Fort Press
GENERE: Contemporaneo, M/M, Romance
COVER ARTIST: T.M. Franklin
E-BOOK:
SERIE: Segreti d'Estate #3
PAGINE:
51
DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 Agosto 2015
PREZZO: 0,99 €
 
TRAMA: Sotto ai pantaloni, Jack nasconde un segreto ed Eli pensa di sapere quale sia. Jack Cox tiene nascosta una parte di sé da molti anni, finché un suo compagno di hockey non scopre un pezzo di seta e pizzo, nascosto nella sua tasca. Elijah Mitten nota quanto Jack diventi ansioso quando il piccolo pezzo di stoffa inizia a girare nello spogliatoio e quando Jack lo butta nella spazzatura, come se non fosse nulla di importante, Elijah capisce cosa si nasconde dietro la facciata e magari anche sotto ai pantaloni. Quando Elijah si presenta a casa di Jack in ricerca di risposte, quest’ultimo non vuole ammettere nulla ma quando il suo compagno di hockey prende in mano la situazione, Jack deve decidersi: condividere il suo segreto, rischiando di venire allontanato dallo sport che ama, o rinnegare se stesso per sempre?

Jerry è meglio di Erin E: Keller


Titolo: Jerry è Meglio
Autore: Erin E. Keller
Editore: Triskell Edizioni
Anno: 2013
Pagine: 77
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: warm

Trama: Aaron e Jerry sono due persone che hanno ben poco in comune, fatta eccezione del luogo di lavoro.
Ma cosa succede quando due colleghi così diversi tra loro si scoprono attratti l’uno dall’altro?
Incomprensioni e cose non dette si frappongono tra i due uomini, che si troveranno costretti ad affrontare i loro dubbi per riuscire a dare un senso alla loro strana amicizia.


Recensione di Anita:

Il sottotitolo perfetto per questo romanzo sarebbe "mai giudicare dalle apparenze": all'apparenza, infatti, Jerry è un uomo superficiale dedito alla ricerca del piacere effimero di una notte, che non vuole legami o impegni. Ed è così che lo giudica inizialmente anche Aaron ma poi... Beh, a poco a poco, inizia a conoscere meglio l'uomo che si nasconde dietro all'aspetto sfrontato e superficiale, a vedere il dolore  e le ferite che si porta dentro e non potrà far altro che arrendersi alla profonda attrazione che gli suscita e a qualcosa di più.
Un romanzo che, seppur breve, mi ha regalato bellissime emozioni e mi ha fatto vivere una storia d'amore dolcissima (ma non zuccherosa!) e delicata.
Voto: 7,5


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?

martedì 25 agosto 2015

Fedeltà e Fiducia di Tere Michaels


Titolo: Fedeltà e Fiducia
Titolo Originale: Faith & Fidelity (2008)
Autore: Tere Michaels
Traduttore: Claudia Milani
Editore: Triskell Edizioni
Anno: 2015
Pagine: 315
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: New York, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Amore, fiducia e Devozione", attualmente così composta
  1. Faith & Fidelity: protagonisti Matt e Evan
  2. Love & Loyalty: Jim e Griffin
  3. Duty & Devotion: Matt e Evan
  4. Cherish: Matt e Evan
Livello di sensualità: hot

Trama: Sconvolto dalla recente morte della moglie, il detective Evan Cerelli cerca di occuparsi dei figli ma è ben consapevole di non riuscirci bene come vorrebbe. Era la moglie quella che li guidava e li cresceva, e l’uomo si trova ora schiacciato tra il dolore della perdita e la responsabilità pressante delle quattro giovani vite. Spinto dai colleghi, Evan partecipa a una festa di pensionamento e incontra l’ex poliziotto Matt Haight, ora caduto in disgrazia e impiegato presso una ditta che si occupa di sicurezza. Un’amicizia fiorita all’ombra della solitudine e confortata dall’alcol si dimostra ciò di cui entrambi hanno bisogno.
L’ultimo anno ha rappresentato, per Matt Haight, una lenta agonia. Ostracizzato dagli amati colleghi, vicino alla mezza età e perennemente solo, Matt vede solo un buco nero dove invece dovrebbe esserci il suo futuro. Quando riconosce in Evan un’altra anima smarrita, alcuni dei pezzi che credeva perduti vanno invece al loro posto. La loro amicizia si trasforma in qualcosa di più profondo, ma l’amore è l’ultima cosa che i due si sarebbero aspettati, ed entrambi lottano per dare un senso a quello che provano l’uno per l’altro.

Reeling from the recent death of his wife, police officer Evan Cerelli looks at his four children and can only see how he fails them. His loving wife was the caretaker and nurturer, and now the single father feels himself being crushed by the pain of loss and the heavy responsibility of raising his kids. At the urging of his partner, Evan celebrates a coworker’s retirement and meets disgraced former cop turned security consultant Matt Haight. A friendship born out of loneliness and the solace of the bottle turns out to be exactly what they both need. The past year has been a slow death for Matt Haight. Ostracized from his beloved police force, facing middle age and perpetual loneliness, Matt sees only a black hole where his future should be. When he discovers another lost soul in Evan, some of the pieces he thought he lost start to fall back in place. Their friendship turns into something deeper, but love is the last thing either man expected, and both of them struggle to reconcile their new and overwhelming feelings for one another.

Recensione di Anita:

Avevo già letto e recensito il romanzo (QUI) ma, come mi capita spesso, ho deciso di rileggerlo e ricommentarlo per la sua uscita in Italia.
Mi sono resa conto di essere stata sicuramente troppo dura nel mio primo giudizio perchè, seppure trovo comunque un certo disequilibrio tra la prima e la seconda parte del romanzo, questa volta mi sono letteralmente innamorata di Matt ed Evan e delle loro difficili storie.
Evan soffre per la devastante perdita della moglie, mentre Matt vive una situazione di stallo emozionale dopo aver perso ciò che più amava al mondo, ovvero il suo lavoro come detective della omicidi di New York (per avere denunciato colleghi corrotti). Questi due uomini condividono molto più di quanto inizialmente pensino e il legame, nato come amicizia sincera e spontanea, si trasforma ben presto in qualcosa di più, cogliendo alla sprovvista loro per primi poichè non avevano mai provato nulla di simile per una persona dello stesso sesso. L'accettazione non sarà facile e dovranno superare ostacoli esterni ed interni per poter vivere un amore che potrebbe essere la salvezza per entrambi.
Oltre ad Evan e Matt meritano una menzione anche i co-protagonisti: da Helena a Vic, passando per Jim, abbiamo un bel gruppo di amici supportivi e su cui fare affidamento.
Ora devo assolutamente leggere il prossimo romanzo della serie!
Voto: 8


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate?

lunedì 24 agosto 2015

La Verità di Ashley John


Titolo: La Verità
Titolo Originale: The Truth  (2014)
Autore: Ashley John
Traduttrice: Francesca Giraudo
Editore: autopubblicato
Anno: 2015
Pagine: 102
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il secondo libro della trilogia "George & Harvey", così composta
  1. Il Segreto - The Secret (QUI)
  2. La Verità - The Truth
  3. The Figh
Livello di sensualità: warm

Trama:  Dopo lo straziante confronto con il fratello, Harvey cerca di raccogliere i cocci della sua vita ma non riesce a capire in che modo Leo e George possano inserirsi nei suoi piani. Quando poi la moglie di George torna a casa, dopo aver trascorso del tempo lontana per assistere la madre in fin di vita, l’uomo deve prendere una decisione. Deve scegliere tra Paula e il suo giovane amante, mentre Harvey deve decidere tra una proposta arrivata del tutto inaspettata da parte del fratello e George. Riuscirà finalmente Harvey a stare con l’uomo che ama? Troverà alla fine la famiglia a cui tanto anela? George avrà il coraggio di fare la cosa giusta seguendo il suo cuore o continuerà a fare a pezzi quello di Harvey?

After Harvey's heartbreaking confrontation with his brother, Leo, he tries to pick up the pieces of his life, but he can't decide where Leo and George fit in. When George's wife returns after spending time away looking after her sick mother, George must decide between his wife and his young male lover, and Harvey must decide between a surprise proposal from his brother, and George. Will Harvey finally get the man he loves? Will he find the family he longs for? Will George do the right thing and follow his heart, or will he keep breaking Harvey's?

Recensione di Anita:

Se durante la lettura di questo romanzo avessi avuto tra le mani George credo che lo avrei preso a badilate più che volentieri! Ok, capisco i timori legati alla fine di un matrimonio e all'uscire allo scoperto, capisco la riluttanza ad esporsi per timore di influenze negative sulla sua carriera ma stiamo parlando di un uomo di 32 anni che si dimostra meno forte e maturo di un ragazzo di 19 e che, con il suo comportamento a dir poco ambivalente, ferisce Harvey (che nella vita ha già sofferto abbastanza!).
Bene, ora che mi sono "virtualmente" sfogata contro George posso dirvi che in questa seconda parte della trilogia i nodi vengono al pettine ma non tutto viene risolto, anzi...
Questo capitolo mi ha fatto vivere emozioni contrastanti (a parte il nervoso costante per il comportamento di George!) ma non vedo l'ora di leggere il finale, sperando che Harvey (e vabbè... anche George!) abbia l'HEA che merita!
Voto: 7,5


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate?

domenica 23 agosto 2015

Anteprima: Cuore Infranto di Cate Ashwood


Titolo: Cuore Infranto
Titolo Originale: Brokenhearted (2013)
Autore: Cate Ashwood
Traduttore: N.A.M.
Editore: Dreamspinner Press
Data di Pubblicazione Prevista: 25 Agosto 2015
Pagine: 260
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: Maine, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Hope Cove", attualmente così composta
  1. Cuore Infranto - Brokenhearted: protagonisti Oliver e Mack
  2. Wholehearted: Luca e Declan
  3. Ironhearted: Haydn e Trevor
Livello di sensualità: hot

Trama: Oliver Parrish è solo al mondo da quando è nato. Quando lo sceriffo Owen ‘Mack’ Macklin si presenta sui gradini di casa sua per dargli la notizia che sua sorella è morta, rimane sconvolto. Decide comunque di andare a Hope Cove, nel Maine, sperando di imparare a conoscere quella sorella che non ha mai saputo di avere. Mentre cerca di incastrare questi nuovi elementi nella sua vita solitaria, non è certo che si adatteranno perfettamente. La sua vita viene scombussolata ancora di più quando s’innamora dell’irresistibile cittadina di Hope Cove e di Mack, l’ugualmente irresistibile sceriffo. Ma quando riceve la devastante notizia delle vere cause della morte della sorella, Oliver non sa se rimanere a combattere per l’amore e una vita piacevole, o limitare i danni e fuggire.

Oliver Parrish has been alone in the world since he was born. So when Sheriff Owen “Mack” Macklin shows up on his doorstep to deliver the news that Oliver’s sister has died, he’s beyond surprised. Still, Oliver returns with Mack to Hope Cove, Maine, hoping to get to know the sister he never knew he had. As he tries to snap these new elements into his solitary life, he’s not sure how they might fit. His life is shaken up further as he falls in love with the irresistible town of Hope Cove, and with Mack, its equally irresistible sheriff. But when he receives devastating news about his sister's cause of death, Oliver doesn't know whether to stay and fight for love and a good life, or cut his losses and run.

Recensione di Anita:

Questo romanzo, fin dalla trama, mi prometteva un protagonista di quelli a cui non so resistere: schivo, solo e privo di qualsiasi legame affettivo.
Come vi dicevo ho un debole per i personaggi come Oliver perciò non è una sorpresa che mi abbia conquistata e che mi sia piaciuto questo romanzo, ma questo romanzo mi è piaciuto molto anche grazie a Mack.
Mack attraversa gli USA per trovare e riportare a casa il fratello della sua migliore amica, morta appena qualche mese prima; mi ha spezzato il cuore il dolore che trasmette quest'uomo, forte ma vulnerabile, per aver perso la persona più importante per lui.
Mack riesce a convincere Oliver a seguirlo nel Maine, riesce a fargli "conoscere" la defunta sorella (attraverso i suoi diari personali) e riesce ad abbattere le difese di Oliver facendo capitolare il ragazzo. Ma la vita non è mai stata molto generosa con Oliver e le brutte sorprese non sono finite...
Un romanzo dolce, delicato e scorrevole che ci porta, con qualche "spavento", fino ad un finale perfetto.
Voto: 7,5

Leggerete questo romanzo? Cosa ne pensate? 

giovedì 20 agosto 2015

Anteprima: Un Nuovo Chance di Iyana Jenna


Titolo: Un Nuovo Chance
Titolo Originale: A Second Chance (2014)
Autore: Iyana Jenna
Traduttore: Laura Di Berardino
Editore: Triskell Edizioni
Data di pubblicazione prevista: 21 Agosto 2015
Pagine: 59
Genere: Contemporaneo, M/M; Romance
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: warm

Trama: Chance Devereux e Ryder Adkins hanno recitato nella stessa serie TV per tre anni e condividono una casa vicino al set. Anche se Chance tiene ancora nascosta la propria natura omosessuale, non può fare a meno di sentirsi geloso quando Ryder si fidanza. Sin dal primo giorno di riprese, Ryder ha messo gli occhi sul collega, ma Chance ha una ragazza e la cosa lo porta a pensare che sia eterosessuale. Dopo anni senza riuscire a ottenere nulla, Ryder decide di dimenticare il suo desiderio di stare con Chance e torna da Mike.
Durante una pausa delle riprese, Chance rilascia un’intervista a un giornalista, Sebastian Vanderbilt, e l’uomo in qualche modo gli fa capire ciò di cui ha bisogno: che Ryder sia suo.

Chance Devereux and Ryder Adkins have worked on the same TV series for three years and share a house near the set. Yet Chance can only watch from afar when Ryder gets engaged. Even though Chance is still deep in the closet, he can't help be jealous. Since the first day of shooting, Ryder has had his sights on his costar, but Chance has a girlfriend and Ryder thinks Chance is straight. After years without a concrete result, Ryder decides to forget his desire to be with Chance and go back to Mike. During a hiatus, Chance does an interview with journalist, Sebastian Vanderbilt. Sebastian opens Chance's eyes, and he decides he needs to make Ryder his. Can they work it out, or are they all out of retakes?

Recensione di Anita:

Questo è un classico caso di "non è colpa tua, sono io...": purtroppo non amo le storie in cui i protagonisti si avvicinano senza arrivare a stare insieme per colpa di malintesi. La trama è carina, Chance e Ryder sono adorabili (anche se molto testoni!), ma la loro storia non mi ha coinvolta pienamente per i limiti di cui vi parlavo prima...
Voto: 6,5


Leggerete questo racconto? Cosa ne pensate?

mercoledì 19 agosto 2015

Anteprima: Chissà Dove di Heidi Cullinan


Titolo: Chissà Dove
Titolo Originale: Nowhere Ranch (2011)
Autore: Heidi Cullinan
Traduttore: Martina Nealli
Editore: Autopubblicato
Data di Pubblicazione Prevista: 20 Agosto 2015
Pagine:  230
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: Nebraska, USA
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: hot

Trama: L'amore cresce nelle crepe rimaste aperte.
Se c'è una cosa che a Roe Davis, bracciante e figlio di fattori, proprio non va a genio, è mischiare il lavoro col piacere. Peccato che poi si imbatta nel suo capo, Travis Loving, nell'unico locale gay nel raggio di duecento miglia. Cominciare una relazione col proprietario del ranch sembra una pessima idea, ma i gusti sessuali di Roe e Travis si allineano come due assi della stessa staccionata. Forse, in fondo, possono trovare un accordo... a patto che sia chiaro a entrambi che si tratta solo di sesso e che non deve interferire col lavoro. Cacciato di casa anni addietro, Roe è sopravvissuto spostandosi da un luogo all'altro e rifiutandosi di mettere radici. Quando la storia con Travis comincia a travalicare i confini del puro e semplice sesso, il giovane dovrà fare i conti col passato che minaccia quel flebile raggio di felicità, ricordandogli che è tempo di tagliare i ponti e andarsene per la sua strada. Ma anche il più solitario dei lupi può patire la solitudine, e ormai Roe incomincia a capire che non serve darsi alla fuga: la vergogna e il dolore per quello che ha perduto lo seguiranno ovunque, finché non sarà pronto ad ammettere che anche l'amore può essere una casa...

Love will grow through the cracks you leave open. 
Ranch hand Roe Davis absolutely never mixes business with pleasure—until he runs into his boss, Travis Loving, at the only gay bar within two hundred miles. Getting involved with the ranch owner is a bad idea, but Roe’s and Travis’s bedroom kinks line up against one another like a pair of custom-cut rails. As long as they’re both clear this is sex on the side, no relationship, no interfering with the job, they could make it work. Shut out by his family years ago, Roe survived by steadfastly refusing to settle into so much as a post office box. As his affair with Travis grows into more than just sex, Roe’s past catches up with him, threatening the thin ray of happiness he’s found, reminding him it’s well past time he went on his way. But even a loner gets lonely, and at this point, there’s nowhere left to run. The shame and sorrow of what he’s lost will stay with Roe wherever he goes—until he’s ready to let love lead him home.

Recensione di Anita:

Non so davvero da dove iniziare a descrivere il sali-scendi di emozioni che ho provato leggendo questo romanzo. La trama non mi aveva preparata alla lettura di questa storia meravigliosa che riesce ad essere estremamente hot (e sottolineo estremamente!) ma anche dolorosamente profonda, delicata, toccante e umana.
Non voglio correre il rischio di rovinarvi l'emozione di questa lettura raccontandovi troppo ma non posso non parlarvi di Roe, il cowboy all'apparenza freddo e solitario che cerca solo del sesso mordi e fuggi, senza legami e sentimenti. In realtà nasconde un'insicurezza patologica e una paura assoluta di legarsi a qualcuno o qualcosa, derivate sicuramente dal modo in cui è stato trattato dalla famiglia. Mi fa sempre male leggere situazioni simili perchè so che, purtroppo, sono comuni anche nella realtà: genitori che preferiscono distruggere la vita ai loro figli pur di non accettare che amino persone dello stesso sesso... non riuscirò mai a capirlo.
Roe, per fortuna, trova sulla sua strada persone straordinarie come Travis (che pian piano riuscirà a infrangere le difese del cowboy con pazienza e tanto amore) e Haley, un'amica straordinaria che tutti vorremmo avere.
Posso darvi solo un consiglio: leggete questo meraviglioso romanzo, anche se non siete amanti di libri estremamente hot, perchè ne vale davvero la pena.
Voto: 8,5


Leggerete questo romanzo? Cosa ne pensate?

giovedì 13 agosto 2015

Anteprima: In Tandem di SJD Petreson


Titolo: In Tandem
Titolo Originale: Tag Team (2013)
Autore: SJD Peterson
Traduttore: N.A.M.
Editore: Dreamspinner Press
Data di Pubblicazione Prevista: 18 Agosto 2015
Pagine: 258
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: Florida, New York, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il secondo libro della serie "Guards of Folsom", attualmente così composta
  1. Cucciolo - Pup: protagonisti Micah e Tackett
  2. In Tandem - Tag Team: Mason, Bobby e Rig
  3. Pony: Max e Aiden
  4. Roped: Jamie e Tek
  5. Mauled (racconto): Gunny e Mac
Livello di sensualità: hot

Trama:  Dopo la morte del loro sub, i precedenti proprietari del Guards of Folsom, Robert “Bobby” Alcott e Rig Beckworth, si sono ritrovati a raccogliere i cocci delle loro vite come meglio hanno potuto. Dopo sette anni, i due Dom sono pronti ad andare avanti e trovare l’uomo che li completerà. La sofferenza del passato si abbatte nuovamente su di loro quando incontrano Mason Howard, un sottomesso che ha perso da poche settimane i suoi Dom in un incidente stradale. Imprigionato da una travolgente tristezza, complicata da un grave disturbo d’ansia sociale, Mason non riesce quasi a lasciare la sua casa. Quando Rig e Bobby lo trovano, ha toccato il fondo, convinto che non valga più la pena vivere. Bobby e Rig sono determinati a dimostrare al giovane che si sbaglia. Il destino ha fatto incontrare i tre uomini, ma dovranno affrontare di petto il dolore della paura e della perdita prima di ricominciare a vivere davvero.

Following the death of their sub, the former owners of the Guards of Folsom, Robert “Bobby” Alcott and Rig Beckworth, were left to pick up the pieces as best they could. After seven years, these two Doms are ready to move on and find the boy who will complete them. Their painful past comes crashing back when they meet Mason Howard, a submissive who just weeks ago lost his Doms in a car accident. Reeling from overwhelming grief that’s complicated by a severe social anxiety disorder, Mason can barely leave his home. When Rig and Bobby find him, he’s hit rock bottom, believing life is no longer worth living. Bobby and Rig set out to prove the younger man wrong. Fate has brought the three men together, but they’ll have to face fear and loss head on before they can all truly live again.

Recensione di Anita:

Questo romanzo parla di perdita, di disperazione, di lutto ma anche di speranza, rinascita e amore. Leggendo la premessa dell'autrice capiamo perchè percepiamo con tale forza il dolore della perdita narrato nel romanzo: è un dolore che l'autrice ha provato in prima persona e ciò traspare dalla storia e dalla scrittura.
Nonostante queste premesse, però, non è un romanzo triste.
Mason sta soffrendo per la perdita, in un tragico incidente, dei suoi Dom; il tutto è complicato dalla terribile fobia sociale che lo affligge e che non gli permette di avere dei normali rapporti con le altre persone... ma nel momento più difficile conosce Rig e Bobby. I due Dom sanno cosa vuol dire perdere una persona amata  e faranno di tutto per fare stare meglio Mason. Oltre ai due ex proprietari del "Guards of Folsom" il ragazzo troverà l'aiuto dei loro amici: Max, Ty, Micah...
Una bella lettura, a tratti dolorosa, ma, come dicevo prima, mai priva di speranza e ottimismo.
Voto: 8


Leggerete questo romanzo? E gli altri della serie? Cosa ne pensate?

mercoledì 12 agosto 2015

Anteprima: Una Cosa Pericolosa di Josh Lanyon


Titolo: Una Cosa Pericolosa
Titolo Originale: A Dangerous Thing (2007)
Autore: Josh Lanyon
Traduttore:
Chiara Beltrami
Editore: Triskell Edizioni
Data di Pubblicazione prevista: 14 Agosto 2015
Pagine: 238
Genere:
Contemporaneo, M/M, Mystery
Ambientazione: California, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il secondo libro della serie "Adrien English Mystery", così composta:
  1. Ombre Fatali - Fatal Shadows (QUI) e (QUI)
  2. Una Cosa Pericolosa - A Dangerous Thing (QUI)
  3. The Hell You Say (QUI)
  4. Death of a Pirate King (QUI)
  5. The Dark Tide (QUI)
Livello di sensualità: warm

Trama: In preda al blocco dello scrittore e frustrato dalla sua problematica relazione con Jake Riordan, fascinoso ma non ancora dichiaratamente gay detective della polizia di Los Angeles, il libraio e scrittore di gialli Adrien English decide di andare a trascorrere un po’ di tempo a nord, nella tenuta lasciatagli dalla nonna materna, dove trova un cadavere ad attenderlo nel vialetto d’ingresso. All’arrivo dello sceriffo, però, il corpo è scomparso e Adrien si trova ancora una volta a improvvisarsi investigatore. Ma quando la situazione si fa pericolosa e potenzialmente letale, Adrien è costretto a rivolgersi a Jake.
Jake potrà avere le idee confuse riguardo a un mucchio di cose, ma è disposto a tutto pur di tenere in vita l’uomo per il quale sta cominciando a provare qualcosa.

Suffering from writer's block and frustrated with his tentative relationship with hot but closeted L.A.P.D. Homicide Detective Jake Riordan, gay bookseller and mystery writer Adrien English travels to northern California where he finds a body in his front drive. By the time the sheriffs arrive, the body has disappeared, and Adrien once again finds himself playing amateur sleuth. But when the game turns deadly, Adrien turns to Jake. Jake may be confused about some things, but keeping his lover alive is not one of them--no matter what the cost.

Recensione di Anita:

Ormai lo sapete che adoro Josh Lanyon e le sue storie, sapete anche, forse, che la serie "Adrien English" è una delle mie preferite e che non riesco a lasciarmi scappare l'opportunità di rileggere i suoi romanzi quando escono in Italia: non sarà una sorpresa quindi per voi il fatto che mi sia riletta "Una Cosa Pericolosa" ma per me è stato sorprendente il fatto di aver apprezzato questo romanzo ancora di più! Mentre prima ero impegnata a seguire la storia e capire chi fosse il colpevole, questa volta mi sono focalizzata su Adrien e Jake.
Adrien decide di prendersi una pausa e si reca al ranch lasciatogli in eredità dalla nonna (in cui non mette piede da più di vent'anni); essendo Adrien, la vacanza sarà tutt'altro che rilassante, tra cadaveri che appaiono e scompaiono, maledizioni indiane e minacce varie, ma per sua fortuna c'è Jake.
La loro relazione non è ancora passata ad una fase più evoluta: Jake è come bloccato dalla paura e Adrien non sa come andare oltre.
Ed è proprio questa la parte del romanzo che mi piace di più: il rapporto difficile ma onesto tra due uomini diversissimi, caratterizzato da scontri e litigi ma anche da momenti dolcissimi e pieni di sentimento.
Sapendo cosa ci attende nei prossimi romanzi considero questo capitolo della loro storia come la quiete prima della tempesta... ed ora non vedo l'ora di rileggermi anche gli altri libri!!!
Voto: 8

Avete letto questo romanzo? E gli altri della serie? Cosa ne pensate?

martedì 11 agosto 2015

Uscite Interessanti: La Verità di Ashley John

 
Titolo: La Verità
Titolo originale: The Truth
Autore: Ashley John
Traduttrice: Francesca Giraudo
Cover Artist: Ashley John
Genere: Romance, M/M, Contemporaneo
Formato: Ebook
Pagine: 102
Prezzo: € 1,99
Serie: George e Harvey – Libro 2

Data uscita: 12 Agosto 2015

TRAMA: Dopo lo straziante confronto con il fratello, Harvey cerca di raccogliere i cocci della sua vita ma non riesce a capire in che modo Leo e George possano inserirsi nei suoi piani.
Quando poi la moglie di George torna a casa, dopo aver trascorso del tempo lontana per assistere la madre in fin di vita, l’uomo deve prendere una decisione. Deve scegliere tra Paula e il suo giovane amante, mentre Harvey deve decidere tra una proposta arrivata del tutto inaspettata da parte del fratello e George. Riuscirà finalmente Harvey a stare con l’uomo che ama? Troverà alla fine la famiglia a cui tanto anela? George avrà il coraggio di fare la cosa giusta seguendo il suo cuore o continuerà a fare a pezzi quello di Harvey?

Attenzione: Questo è il secondo romanzo della serie “George & Harvey” e avendo un finale aperto, non può essere letto come autoconclusivo poiché conduce direttamente al terzo libro, “La lotta”. Il romanzo racconta una storia d’amore tra due adulti consenzienti, di cui uno sposato e tra i quali c’è una differenza di età di tredici anni.

lunedì 10 agosto 2015

Uscite Interessani: Chissà Dove di Heidi Cullinan


Titolo: Chissà Dove
Titolo Originale: Nowhere Ranch
Autore: Heidi Cullinan
Traduttore: Martina Nealli
Editore: Autopubblicato
Pagine:  230
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Acquistabile su Amazon, All Romance Ebooks, Kobo, Nook, iBooks, Google o direttamente sul sito dell'autrice tramite Gumroad

Data di pubbicazione prevista: 20 Agosto 2015

Trama: L'amore cresce nelle crepe rimaste aperte.
Se c'è una cosa che a Roe Davis, bracciante e figlio di fattori, proprio non va a genio, è mischiare il lavoro col piacere. Peccato che poi si imbatta nel suo capo, Travis Loving, nell'unico locale gay nel raggio di duecento miglia.
Cominciare una relazione col proprietario del ranch sembra una pessima idea, ma i gusti sessuali di Roe e Travis si allineano come due assi della stessa staccionata. Forse, in fondo, possono trovare un accordo... a patto che sia chiaro a entrambi che si tratta solo di sesso e che non deve interferire col lavoro. Cacciato di casa anni addietro, Roe è sopravvissuto spostandosi da un luogo all'altro e rifiutandosi di mettere radici. Quando la storia con Travis comincia a travalicare i confini del puro e semplice sesso, il giovane dovrà fare i conti col passato che minaccia quel flebile raggio di felicità, ricordandogli che è tempo di tagliare i ponti e andarsene per la sua strada. Ma anche il più solitario dei lupi può patire la solitudine, e ormai Roe incomincia a capire che non serve darsi alla fuga: la vergogna e il dolore per quello che ha perduto lo seguiranno ovunque, finché non sarà pronto ad ammettere che anche l'amore può essere una casa...

Giochiamo? di Annabelle Jacobs


Titolo: Giochiamo?
Titolo Originale: Toy with Me (2015)
Autore: Annabelle Jacobs
Traduttore: Francesca Giraudo
Editore: Blanket Fort Press
Anno: 2015
Pagine: 35
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Collegamenti con altri romanzi: si, fa parte della raccolta "Segreti d'Estate", scritta da autori diversi.
Livello di sensualità: hot

Trama: Aaron nasconde qualcosa nei suoi cassetti – ma non è il suo unico segreto. Quando si trasferisce con i suoi nuovi coinquilini, fin da subito ha intenzione di rivelare il suo orientamento sessuale. Ma un grosso oggetto rosa di natura personale, utilizzato come scherzo, manda all’aria i suoi piani e gli fa perdere l’occasione che stava aspettando. Il suo coinquilino Rob si è rivelato ed è fiero di essere gay. Presume che anche Aaron lo sia e quando scopre un altro suo segreto, nascosto nel cassetto dei calzini, si prende l’onere di aiutarlo a sperimentare la sua sessualità.

Aaron is hiding something in his drawers—but that’s not his only secret. When he moves in with his new housemates, Aaron intends to tell them about his sexuality from the outset. But a large pink item of a personal nature, given as a joke, scuppers his plans and he misses his chance. Fellow housemate Rob is out and proud. He guesses Aaron is gay, and when he finds Aaron’s other secret concealed in his sock drawer, he takes it upon himself to help Aaron out with a little sexual experimentation.

Recensione di Anita:

Ecco un altro bocconcino piccante da gustarsi tutto d'un fiato!
Aaron è un ragazzo timido e riservato che ha deciso di mettersi in gioco e vivere apertamente la sua sessualità... ma è facile dirlo, più difficile trovare il coraggio di dichiarasi apertamente ai suoi nuovi coinquilini. Per sua fortuna uno dei suoi nuovi amici è Rob, un ragazzo sicuro di se ma anche molto dolce. E grazie ad uno scherzo un pò hot tutto filerà nel verso giusto.
E' un racconto veloce ma scritto veramente bene e con due protagonisti ben caratterizzati: leggerò sicuramente altro di questa autrice!
Voto: 7


Avete letto questo racconto? Cosa ne pensate? Vi piacrebbe leggerlo?

sabato 8 agosto 2015

Anteprima: Tatuaggi e Tazze da Tè di Anna Martin


Titolo: Tatuaggi e Tazze da Tè
Titolo Originale: Tattoos & Teacups (2012)
Autore: Anna Martin
Traduttore: Tamara Tersi
Editore: Dreamspinner Press
Data di pubblicazione prevista: 11 Agosto 2015
Pagine: 293
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: Boston, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Tattoos", attualmente così composta
  1. Tatuaggi e Tazze da Tè - Tattoos & Teacups
  2. Tattoos & Tinsel: racconto di 28 pagine
Livello di sensualità: hot

Trama: Sedici anni fa, ancora adolescente, Robert McKinnon ha lasciato la nativa Scozia e si è trasferito in America. Il professor McKinnon non si è mai veramente ambientato nella sua nuova casa, né ha mai trovato il proprio posto su questa sponda dell’oceano. Forse sta invecchiando presto, ma ha il suo gatto e i suoi libri, ed è tutto ciò di cui ha bisogno. Poi Chris Ford irrompe nella sua vita come un ciclone. Il giovane è l’esatto opposto del placido, cortese professore. Vivaci tatuaggi ricoprono la sua pelle, ha un taglio di capelli alla moicana e suona la batteria in un gruppo rock. Rappresenta però una pennellata di colore nel mondo in bianco e nero di Robert, che si rivela essere l’unica persona su cui Chris può fare affidamento. A dispetto delle innumerevoli ragioni per cui la loro relazione non dovrebbe funzionare, in qualche modo invece sembra decollare. Anche se Robert non sta cercando l’amore – soprattutto non con qualcuno più giovane di lui di quasi dieci anni – non può negare che stare con Chris sia divertente. Talvolta, però, lo spirito libero del ragazzo fa sentire Robert emotivamente fragile. Se i due non riusciranno a trovare un equilibrio tra tatuaggi e tazze da tè, il loro rapporto non sopravvivrà, e neppure la ritrovata brama di Robert per la vita.

As a teenager, Robert McKinnon left his native Scotland and moved to America. That was sixteen years ago, and Professor McKinnon has never quite settled in his new home or found his place this side of the pond. He might be prematurely old, but he has his cat, and his books, and that's all he needs. Then Chris Ford explodes into Robert's life with a crash of cymbals. The younger man is the polar opposite of Robert's calm civility. Bright tattoos cover his skin, and he wears his hair in a Mohawk and plays drums for a rock band. But he's a shot of color in Robert's black-and-white world, and Robert turns out to be the one thing Chris can count on. Despite all the reasons it shouldn't work, somehow it does. Even if Robert wasn't looking for love especially not with someone nearly ten years his junior he can't deny being with Chris is fun. But sometimes Chris's free-spirited nature leaves Robert feeling vulnerable. If they can't find a balance between tattoos and teacups, their relationship won't survive and neither will Robert's newfound lust for life.

Recensione di Anita:

Leggendo la trama mi aspettavo una storia più drammatica e "cupa" ed invece ho trovato un romanzo dolce e pieno di speranza.
Robert è un uomo con un passato piuttosto difficile che lo ha fatto crescere e sopratutto maturare in fretta; vive con il suo gatto (che lo sopporta a malapena!) e le uniche sue passioni sono Kipling e l'insegnamento. Poi un giorno nella sua vita irrompe Chris che con la sua sicurezza, il suo aspetto inusuale e la sua simpatia riuscirà a farsi strada nel cuore di Robert (e non solo...).
Ho trovato i protagonisti credibili, con le loro debolezze, le loro paure e le loro imperfezioni: è impossibile non amare Rob e Chris!
Sebbene io abbia un debole per le storie che mi fanno soffrire a volte sento proprio la neccessità di romanzi con un minor tasso d'angoscia: "Tatuaggi e Tazze da Tè" è perfetto per chi cerca una lettura piacevole, tranquilla ma non sciocca, con una storia credibile e dei personaggi che conquistano.
Voto: 8

Leggerete questo romanzo? Cosa ne pensate?

giovedì 6 agosto 2015

Intervista di Maria: Editori a Confronto


Oggi, per il Blog "Le Letture di Anita", due editori a confronto.

Ho voluto prendere in prestito alle Iene l'idea di un'intervista doppia e, nel mondo degli editori free (per chi non lo sapesse, esistono editori (?) che chiedono un contributo all'autore per la pubblicazione) ho scelto Lettere Animate Editore e Ink edizioni .

Fanno parte entrambi della piccola editoria. La conoscenza di questi editori è avvenuta nel primo caso da autrice (Lettere Animate ha pubblicato il mio romanzo d'esordio nel 2014), nel secondo da lettrice (ho presenziato alla presentazione di un autore della Ink tenuta a Udine un anno fa, che mi è molto piaciuta).

Una prima differenza tra i due è sicuramente nella scelta del formato in cui pubblicano i testi ritenuti validi: Lettere Animate predilige il digitale, Ink edizioni l'edizione su carta.

Per il resto... non vi anticipo nulla, leggete l'intervista!
(P.S:: le risposte di INK in nero e quelle di Lettere Animate Editore in blu...)






1) Si dice che le grandi case editrici ignorino gli esordenti, preferendo puntare su autori affermati. Voi, quanto siete disposti a investire sui nuovi autori?
          L'investimento maggiore è il tempo. La gente pensa “Che ci vuole, basta solo leggere!”. Ma leggere è il nostro lavoro, leggere un testo inedito può richiedere intere giornate, il tempo dell'editore e dei suoi collaboratori ha un costo. Noi abbiamo personale dipendente, paghiamo stipendi, imposte e contributi. Gli editori di maggiori dimensioni hanno staff più ampi di lettori professionali (che vengono retribuiti per questo); gli editori piccoli a volte hanno una sola “testa” capace di valutare un inedito. Molti autori si ritengono l'ombelico del mondo e non riescono a capire che dall'altra parte chi deve valutarli investe delle risorse, che non tornano sicuramente se, una volta letto, il libro viene rifiutato; e possono non tornare se, letto, accettato e pubblicato, poi il libro non vende adeguatamente. L'editoria è un'attività imprenditoriale; non ci sono più i mecenati (in primis le banche) che un tempo sostenevano l'editoria di qualità. A meno di non fare gli editori a pagamento, che è un altro mestiere.
Per noi gli autori esordienti sono fondamentali. Credo lo siano per ogni medio/piccola casa editrice. Le case editrici grosse diciamo che più che ignorare, tentano di “rubare” successivamente gli autori alle piccole CE, quando la visibilità di questi autori è già buona. Per noi il lavoro è massacrante perché si tratta di prendere persone sconosciute e fargli una credibilità letteraria. Massacrante ma molto intrigante e stimolante.


     2) Quanta importanza date alla sinossi e quanta alla lettera di presentazione di un autore esordiente?

Nel campo della narrativa la sinossi serve a poco. Il romanzo è non solo trama ma, anche e soprattutto, forma, stile, linguaggio, ritmo, respiro della frase ecc. Altrettanto poco utile la lettera di presentazione, se non per una informazione di massima sull'autore. O meglio, è utile se contiene frasi tipo “ho scritto un bellissimo romanzo” ecc. L'autocelebrazione è per me elemento automatico di esclusione.
La sinossi è fondamentale, l'autore si deve sempre mettere nei panni di chi dovrebbe voler leggere il suo libro e quindi invogliarlo alla lettura. Faccio questo breve esempio: entro in una concessionaria per comprare una macchina chiedo, a chi dovrebbe vendermela, di spiegarmi la qualità di una data macchina e lui mi risponde “Come vede è rossa” e basta. Ovvio che questa macchina poi la devo provare e quindi “leggere” ma bisogna invogliare alla lettura. Nel nostro caso l'editore deve anche investirci dei soldi, per cui è opportuno scrivere una bella sinossi. Della lettera di presentazione sinceramente mi interessa poco.
        3) Se un autore volesse sottoporre alla vostra attenzione un suo lavoro, cosa dovrebbe scegliere tra: invio diretto, agenzie letterarie o altri canali (editor, collaboratori)?

L'invio tramite agenzia, se l'agenzia è autorevole, è senz'altro la strada migliore. Perché se l'agenzia è, ripeto, di livello, ha già fatto un lavoro di scrematura e ha identificato quel determinato editore come potenzialmente interessato a quel testo. Ma anche il lavoro di agenzia ha un costo: quello del tempo e della ”qualità” della lettura di cui parlavo sopra. So di autori scandalizzati perché le agenzie chiedono un fisso per la valutazione. Non c'è niente di scandaloso. Se lo scrittore è ad esempio un medico, non credo che non si faccia pagare la visita, o se è un avvocato il consulto, o se è un idraulico una riparazione...
Noi siamo molto chiari, molto trasparenti, quindi sul nostro sito è indicato tutto quello che facciamo. Non abbiamo canali preferenziali però io credo sempre che un autore deve avere il controllo pieno della propria opera e a noi piace dialogare direttamente e personalmente con ogni nostro autore.


4) Una volta scelto un manoscritto, quale processo di editing deve seguire (se deve)? Vengono incaricate più persone a lavorarci sopra o ogni libro è affidato a un singolo editor?
I nostri libri hanno quattro passaggi diversi, fatti da professionisti diversi: la lettura dell'editore/direttore editoriale, quella del redattore/editor, il rinvio di questa stesura all'autore per risolvere eventuali problemi e suggerire modifiche, la correzione di bozze successiva all'impaginazione, che avviene dopo che l'autore ha restituito con le sue risposte il testo editato. A volte se necessario ci sono anche più fasi. In parallelo c'è il ciclo della copertina, che ha una vita a sé. In caso di contrasto con l'autore su questioni per noi fondamentali (ad esempio la struttura del testo) i nostri contratti prevedono la possibilità per l'editore di respingere il testo, rescindendo quindi il contratto e restituendo la proprietà letteraria all'autore. Dato che Ink non pubblica a pagamento, pubblichiamo solo quello che decidiamo consapevolmente di pubblicare e se ci sono cose che non ci convincono ma l'autore non vuole modificare non pubblichiamo. Ci avremmo rimesso comunque il costo del nostro tempo, ma quando andiamo in libreria vogliamo essere convinti al 100% di quello che proponiamo ai lettori.
Con il passaggio a Boré Srl abbiamo fatto un passo in avanti sotto questo punto di vista, abbiamo ora un staff che segue contemporaneamente il manoscritto (sia la parte testuale che grafica) automatizzato tutto da un sistema informatico che ci permette di lavorare meglio, siamo ancora in fase di rodaggio, ma in linea di massima il sistema Lettere Animate verrà ampliato. Subito dopo la firma decidiamo una data di consegna bozze, che comunichiamo all'autore tramite la nostra area riservata, e lavoriamo al testo e copertina. Dopo la consegna all'autore aspettiamo la sua conferma e proseguiamo con la pubblicazione. Abbiamo cercato in questi anni di ottimizzare il tempo e tagliare i tempi morti.





        5) Una volta pronto, il romanzo viene pubblicato. Come procedete per pubblicizzarlo? Quanto, e in che modo, è richiesto all'autore di collaborare?
Una volta il grosso della comunicazione si faceva con l'ufficio stampa tradizionale. Oggi - praticamente morti i quotidiani e i periodici come li abbiamo conosciuti - non serve quasi più: spesso neanche intere pagine di grandi firme su grandi quotidiani smuovono le vendite. Per cui abbiamo ridotto molto l'attività tradizionale. Comunichiamo soprattutto sui canali social. Non partecipiamo a fiere o saloni che assorbono una quantità spropositata di risorse e garantiscono perdite certe. Non organizziamo presentazioni, che rappresentano un impegno economico e organizzativo notevole a fronte di risultati il più delle volte modesti in termini di partecipazione e vendite. Ma se l'autore o un soggetto esterno decidono di organizzare un evento, noi garantiamo la copertura distributiva appoggiandoci alla libreria più vicina. All'autore chiediamo invece espressamente di contribuire alla promozione aprendo una sua pagina social per interagire con quella della casa editrice.
Noi non stiamo fermi praticamente mai però abbiamo un'idea differente per far emergere un libro, puntare sull'autore e sulla sua visibilità. Il nostro obiettivo principale, come detto prima, è dare all'autore una sua credibilità artistica per cui il nostro maggiore investimento è sulla visibilità dell'autore, e quindi del suo lavoro. Facciamo iniziative come antologie free (sempre dei nostri autori) abbiamo un portale dove loro possono pubblicare articoli e racconti, una newsletter perenne sia con loro che con testate giornalistiche e blog, sconti, promozioni, offerte, idee... proviamo tutto quello che è necessario.


6) Come vi comportate verso autori che in passato si sono autopubblicati o hanno pubblicato con gli editori sbagliati (ossia con case editrici a pagamento)?
Di solito il self publishing è sinonimo di scarsa professionalità. Manca tutto quel lavoro dell'editore che ho descritto al punto 3, che fa la differenza. Ma ci sono le eccezioni, come appunto il primo romanzo di Guido Mattioni, che io scoprii per caso sul web. Invece testi di autori che in precedenza hanno pubblicato a pagamento non li prendiamo in considerazione a prescindere. È una scorciatoia brutta sia per chi la prende sia per chi la propone.
Non siamo razzisti. Scherzi a parte a noi non interessa il curriculum dell'autore, sono totalmente contrario all'editoria a pagamento perché penso che sia un altro tipo di lavoro, ma spesso gli autori sono male informati o poco dentro le dinamiche dell'editoria e quindi ci possono cascare. Non si può condannarli per questo. L'autopubblicazione è un fenomeno vero, importante e condivisibile in molti aspetti. Siamo aperti nel valutare ogni tipo di manoscritto che ci giunge in redazione.
7) Molte grandi case editrici vendono gli Ebook al prezzo del libro cartaceo. Qual è la vostra politica in merito?
Noi li mettiamo a circa il 50% del prezzo di copertina cartaceo
Molte grandi case editrici stanno fallendo. Però dipende, dipende dal tipo di ebook e dal nome dell'autore. Io personalmente penso che un ebook dovrebbe costare almeno il 50% in meno di un cartaceo , se un libro costa 10 euro l'ebook può costare 5 euro. Ci sta. Per gli esordienti è diverso, non possono costare quanto costa King o Tolkien almeno in ebook, in cartaceo è un'altra storia perché dipende da tirature e distribuzione.
8) Pensate che puntare su un pubblico giovane possa essere un buon incentivo alla lettura?
     L'editoria di narrativa in Italia si basa sull'1% della popolazione, poco più di 500.000 persone (tecnicamente “forti lettori”: che comprano almeno 1 libro al mese), che stanno in gran parte nelle fasce di età over 50, soprattutto donne. I giovani nativi digitali probabilmente possono essere più attratti dall'ebook, ma questo “pesa” ancora per meno del 4% sulle vendite complessive. Il problema è più ampio, di antropologia e sociologia culturale. La società sta andando verso una comunicazione sempre più breve, sintetica e, inevitabilmente, impoverita. Non è un giudizio di valore, è una constatazione. Noi continuiamo a coltivare la nostra piccola nicchia di forti lettori di buon livello culturale.
Senza voler prendere in giro nessuno bisogna essere sinceri e smetterla di far passare messaggi sbagliati sui libri (mi riferisco ai romanzi) che sono comunque, per gli editori, uno strumento di commercio. A me risulta abbastanza chiaro che una Casa Editrice oltre a fare bei prodotti deve anche venderli, per cui non ci trovo nulla di sbagliato nel voler fare anche prodotti “commerciali” perché ci sono le tasse da pagare, le spese varie, le bollette e tutto il resto. Non abbiamo sconti speciali. Ovviamente i giovani prediligono un tipo di lettura, magari più semplice e moderna.


9) In Italia si legge molto meno che in altri paesi. Perché? Quanto pesa la politica editoriale? Quanto la qualità degli autori?
     È un problema come dicevo prima antropologico. In Italia si è sempre letto meno, molto meno, che nei paesi anglosassoni, soprattutto dell'Europa settentrionale. Alla base c'è la scuola, che nonostante sia stata per decenni basata su un “umanismo letterario” vecchio stile non ha formato docenti capaci di trasmettere agli studenti il piacere della lettura. La nostra scuola ha trasmesso a intere generazioni il senso del libro come “dovere”, come “compito scolastico”. Così si uccide uno dei grandi piaceri della vita. Ma è lo stesso per la musica e per le arti figurative
In Italia è quasi impossibile proporre nuove idee, proporre dei cambiamenti o delle nuove vie. In Italia ci piace farci la guerra e questo non aiuta, i lettori, gli autori, gli editori non collaborano in nessun modo e questo penalizza tutti. Le istituzioni sono carenti in ogni cosa tocchi i ragazzi, che sono poi il futuro di tutto (non solo dei libri). L'Italia è un pasticcio.


10) Pensa che i colossi editoriali prediligano nomi noti (ad esempio personaggi televisivi) a penne eccellenti, discriminando questi ultimi?
      Se sì, in che misura?
L'editoria è un'attività industriale, non è beneficenza, mecenatismo o volontariato culturale. A certi livelli è un'attività prevalentemente finanziaria, cioè il capitale investito deve dare determinati ritorni, altrimenti la proprietà toglie i soldi dai libri e li mette nei pomodori o nelle felpe o in qualsiasi altra merceologia più redditizia. L'editore a queste dimensioni non è un intellettuale, è un investitore che chiede un ritorno dell'investimento. È quindi naturale che le grandi case editrici debbano pubblicare prodotti spazzatura, perché solo questi sono in grado di raggiungere il pubblico di massa. Ogni tanto, con i soldi fatti con la spazzatura, si possono permettere anche di pubblicare prodotti di qualità; ma non è la loro mission. La qualità la garantiamo ancora noi piccoli e indipendenti, finché restiamo piccoli.... Ripeto, le mie non sono condanne moralistiche, sono constatazioni oggettive. Del resto insegno alla Luiss di Roma Economia dell'editoria, e sono abituato a guardare con distacco professionale il settore in cui opero.
Sì, ma questo è normale. Devono vendere. Non ci dobbiamo meravigliare così è stata importata la società, se esistono programmi come uomini e donne (per dirne uno a caso) non dobbiamo poi prendercela con gli editori che pubblicano i romanzi rosa.
     Se sì, in che misura?
     Credo un buon 50% almeno


11) E per finire: come vedete il futuro dei libri? Quanta importanza date agli ebook

Come ho detto prima, l'ebook è ancora una goccia nel mare, e anche nei paesi dove si è affermato prima, il suo tasso di crescita sta rallentando. Io credo a un futuro dell'editoria su tre livelli: il prodotto “spazzatura” di grandi quantità per il pubblico di massa, il prodotto di nicchia di qualità per i lettori di qualità. L'ebook in mezzo, ancora con prospettive poco chiare. Ma di una cosa sono (quasi) certo: se in un futuro a medio termine probabilmente non vedremo più i quotidiani cartacei, continueremo a vedere ancora libri stampati su carta e rilegati. Il libro ha una “forma tecnologica” perfetta da quando è stato inventato. Si restringerà a un pubblico d'élite, ma non morirà

Credo che gli ebook saranno come gli mp3, e i libri resteranno vivi, non vedo una guerra, vedo solo un cambio di status. Il libro sarà qualcosa da conservare, collezionare e apprezzare, mentre l'ebook un prodotto di consumo.
Ringrazio Francesco Bogliari e Roberto Incagnoli per la disponibilità e per aver condiviso con noi il punto di vista di chi materializza con caratteri mobili neri su sfondo bianco, il viaggio di ogni singolo lettore, attraverso l'astrazione delle parole.